Previous Next
Decreto semplificazioni.Scena prima: controllo a distanza Sfogliando la margherita: decreto semplificazioni. Scena prima:Controllo a distanza e dubbi... Read more
In onore di DAPHNE  EUROPA è anche  la morte orribile di Daphne Galizia  Malta è paese Ue  sempre rappresentato... Read more
Bambine e bambine disabili : lettera aperta a Valeria Fedeli Alessandra Servidori Dalla parte dei  bambini disabili,delle loro famiglie e dei loro... Read more
Donne pace e sicurezza Alessandra Servidori                 DONNE PACE E SICUREZZA a che punto siamo in tutto il mondo ... Read more
OPERE DI BENE NON SOLO PER GLI STUDENTI DI HARVARD Alessandra Servidori Una  notizia fa sempre bene soprattutto quando coinvolge la speranza di... Read more
NEWS :legge di stabilità-17 dicembre 2015   Alessandra Servidori                         giovedì 17 dicembre :news  LEGGE DI STABILITA’:... Read more
Lezione 7 Perchè è importante il prossimo Consiglio Ue Alessandra Servidori Lezione n.7  Meglio tardi che mai  : Perché è importante  e decisivo il... Read more
Dati Istat : donne e servizi per l'infanzia : desolante situazione italiana ALESSANDRA SERVIDORI  www.ilsussidiario.net  22 marzo 2019 Istat ha reso noti i dati censiti per... Read more
2018 : attenzione alla disabilità Alessandra Servidori       Attenzione alla disabilità  Anche nel 2017  si è registrato un... Read more
8 MARZO DELLA DONNA INFORMATA https://youtu.be/RvSq7_Ob700     8 MARZO 2018  ORGANIZZATA DA TUTTEPERITALIA  MODENA... Read more
VISCO agli operatori finanziari : Bcc va tutto bene. Ma no forse no Alessandra Servidori             VISCO agli operatori finanziari : Bcc va tutto bene. Ma no forse... Read more
GENDER GAP PAY Alessandra Servidori – DIFFERENZE RETRIBUTIVE-NON C’E’ niente da festeggiare Pare che in... Read more
chi aiuta le donne a mettere al mondo figli e continuare a lavorare? Alessandra Servidori – 9 gennaio 2018    Chi aiuta le donne a mettere al mondo figli e a poter... Read more
E per fortuna che Francesco ha incontrato Cirillo a Cuba . Alessandra Servidori   E per fortuna che Francesco ha incontrato Cirillo a Cuba . 15 febbraio... Read more
Analisi seria di cosa prevede per istruzione e formazione professionale la riforma della Costituzione Alessandra Servidori Analisi seria di cosa  prevede per Istruzione e formazione professionale la... Read more
ROMA e BOLOGNA cambiamo passo Abitare a Bologna, una volta, significava stare in un posto davvero all’avanguardia, significava... Read more
Lo smart working compie due anni ma sul digitale siamo indietro LAVORO  ildiariodellavoro Lo smart-working compie due anni, ma non c’è molto da... Read more
Diritto e potere Scena 2 Alessandra Servidori  ... Read more
GUIDA CAREGIVER : 12 novembre 2019 Roma   CAREGIVER familiare :  UNA GUIDA AMICHEVOLE   12 Novembre 2019 Parlamentino INAIL Via... Read more
La maternità difficile se non impossibile  ALESSANDRA SERVIDORI La maternità  italiana difficile se non impossibile Un dossier di Save... Read more
INVITO :27 maggio UNIMORE INSIEME CONTRO IL CANCRO                        INVITO AGLI AMICI E AMICHE 27 maggio 2016                                ... Read more
Contro il meeting di Verona.Ecco perchè. Alessandra Servidori  Sono decisamente contro il raduno di Verona . La chiama” festa” il... Read more
NOTIZIE PER LE DONNE:IN CHIESA PER VIVERE ANCORA PIU' A LUNGO! Alessandra Servidori                     NOTIZIE PER LE DONNE : IN CHIESA PER VIVERE ANCORA PIU'... Read more
A Bologna : no all'illegalità Alessandra Servidori  NO all'illegalità  La politica bolognese è in difficoltà, come nel resto... Read more
Buona Pasqua?in verità siamo poco sereni Alessandra Servidori                          Facciamo il punto perché c’è da stare poco... Read more
Lettera aperta al Presidente Mattarella Alessandra Servidori Lettera aperta al Presidente Mattarella 25 maggio 2018 Egregio e caro... Read more
SALARI DISEGUALI TRA DONNE E UOMINI ITALIANI e tra NORD e SUD Alessandra Servidori        salari diseguali tra italiani e italiane e tra nord e sud Il welfare... Read more
Giovani : studio in azienda e lavoro a scuola Alessandra Servidori   * 31 Dicembre 2016 IL RESTO del CARLINO-QUOTIDIANO- pag 10  Fine... Read more
SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO : LEGGI ANALISI DEI TESTI IN DISCUSSIONE IN COMMISSIONE LAVORO  a cura di... Read more
Molte ombre poche luci dalla LEGGE di Stabilità ALESSANDRA SERVIDORI                  Molte ombre poche luci dalla  LEGGE di Stabilità Entro... Read more
Ripresa no, ripresina,forse,ma molto ina Alessandra Servidori - Ripresa no, ripresina,forse,ma molto ina .     30 agosto 2017  La... Read more
Dimissioni sul lavoro e povertà LAVORO E WELFARE Dimissioni sul lavoro e povertà, testi a confronto Autore: Alessandra... Read more
QUI BRUXELLES a voi Roma : differenze di genere ALESSANDRA SERVIDORI   11 OTTOBRE 2017 Europa :l’indice sull’uguaglianza di genere 2017 misura... Read more
ILVero stato della salute farmaceutica Alessandra Servidori    23 GIUGNO... Read more
IL DDL UNIONI CIVILI è inganno Alessandra Servidori      A Parigi  promossa e firmata la Carta per l’abolizione universale... Read more
PAPA FRANCESCO E LE SUE SCARPE Alessandra Servidori  22 dicembre 2016  PAPA FRANCESCO e le sue... Read more
Sistema bancario nostrano : obbligatorio dire la verità Alessandra Servidori                   Sistema bancario e aiuti di Stato : obbligatorio dire la... Read more
MANOVRA:un impianto poco credibile http://www.ilsussidiario.net/News/Lavoro/2017/11/16/LEGGE-DI-BILANCIO-Lavoro-e-welfare-gli-squilibri... Read more
TUTTE E TUTTI NOI CONTRO IL CANCRO TUTTI E TUTTE NOI CONTRO IL CANCRO  Commissione bicamerale di vigilanza Cassa Depositi e... Read more
ELEZIONI ELEZIONI?????!!!!!!!!    ALESSANDRA SERVIDORI Elezioni elezioni !!!!!????? Non ci infiliamo nella disputa politica ... Read more
Francesco e la giornata del Creato 1 settembre Alessandra Servidori       FRANCESCO ci invita a rispettare e ad amare madre terra   Oggi 1... Read more
Disabilità : scuola e lavoro.Proposte concrete Alessandra Servidori  DISABILITA’ : scuola e lavoro. Proposte concrete. 3 Dicembre 2015  Come... Read more
IL PIL ITALIANO in declino CAMBIA VERSO SOLO PER I RENZIANI ALESSANDRA SERVIDORI                            Dopo Ferragosto  IL PIL  italiano in declino... Read more
EBBENE NO NO AL DECRETO CIRINNA' http://formiche.net/2016/01/09/perche-critico-il-ddl-cirinna/ Alessandra Servidori -Ebbene sì mi... Read more
Una scuola ammalata cronica Alessandra Servidori     Una scuola ammalata cronica   La ministra Fedeli ha ereditato una... Read more
Stop compra/vendita bambini con utero in affitto Alessandra Servidori -Stop alla fabbrica dei bambini venduti :  il pronunciamento della  Grande... Read more
MERKEL REGINA D'EUROPA Alessandra Servidori     Germania al voto : MERKEL  Cancelliera  regina d’Europa - 23 settembre... Read more
SIAMO FIERE DI ESSERE ITALIANE AlessandraServidori     Quando siamo fiere di noi italiane  21 marzo 2016 Il Consiglio d’Europa... Read more
ONORE A MARCO BIAGI ORA E SEMPRE Alessandra Servidori  ONORE A MARCO BIAGI OGGI E SEMPRE   Se Marco Biagi avesse avuto la scorta... Read more

Lettera aperta a Daniela Carà

Cara Daniela

leggo e apprezzo la tua riflessione sulla Pubblica Amministrazione che hai ben chiarito  lucidamente su Noi donne.

Si cominci con il ripristinare lo stile, che nella vita pubblica, come in quella privata, è anche sostanza. Lo dico questo perché ho più che mai la certezza che al nostro Paese e alle italiane e agli italiani vadano rappresentate le situazioni così come stanno, almeno proprio per capire fino in fondo il senso del tuo ragionamento che ripeto, condivido, essendo la mia vita professionale ricca di esperienza, appunto, svolta più o meno felicemente nella grande mamma che è la Pubblica Amministrazione. Oggi Work l’Economic Forum, ieri l’Ocse  ci dicono a chiare lettere che siamo  l’unico Paese ancora in recessione. I dati pubblicati  sia dall’uno che dall’altro autorevole Osservatorio  internazionale prevedono una chiusura dell’anno a -1,8%. Gli ottimisti si consoleranno considerando che nel terzo trimestre perdevamo lo 0,4 e nel quarto perdiamo lo 0,3. La discesa rallenta. Si tratta pur sempre di discesa, però, e la Francia ha fatto, negli stessi trimestri, +1,4 e +1,6. Né ci sarà da festeggiare granché quando, dopo troppo tempo, rivedremo il segno positivo, perché nella nostra situazione non bastano gli zero virgola, ci vuole molto di più. E devono essere i talenti femminili che sollevano la questione economica poiché da questo angolo noi vogliamo uscire.

 

 Ricordiamoci bene  che dal 1995 aoggi, con la sola eccezione del 2009, noi siamo l’unico Paese dell’Unione monetaria europea costantemente in avanzo primario. Dal 2008 al 2013 il nostro debito pubblico è cresciuto più di quello svedese, ma meno di quello degli altri. Siamo gli unici ad avere pagato gli interessi sul debito pubblico senza averli coperti tutti con nuovo debito, ma usando per circa la metà gli avanzi primari. Ciò per dire che sul minore sviluppo pesa anche la minore spesa pubblica. Ma  contemporaneamente  abbiamo fatto crescere in modo irresponsabile la pressione fiscale e nonostante questo il debito pubblico continua a lievitare (sia in percentuale sul pil che in cifra assoluta). La terapia fin qui praticata non funziona, perché siamo sì forse i più rigorosi nell’amministrazione del bilancio presente, ma a spese dei cittadini, della crescita, aumentando la recessione e senza intaccare il debito. Questa è la vera sfida che attende l’Italia. Dal 2016 dovremo iniziare ad abbattere il debito di un ventesimo l’anno, secondo una formula molto complicata ideata dalla Commissione Europea. Avremo nel medio periodo la necessità di abbattere uno o due punti l’anno, che in verità non è una cifra impossibile. Avremo invece uno start up molto forte attorno a cinque punti percentuali: ecco la vera preoccupazione.
Dovremo sin da adesso adottare misure di carattere straordinario, in grado di facilitare quel traguardo. L’importante, però, è cominciare subito ma su questo vedo totale ristagno e indifferenza da parte delle forze politiche. Fino ad oggi  si è ragionato sempre a margine, individuando quelle poche risorse che ci davano fiato, anche attraverso operazioni di maquillage. Abbiamo perso di vista i fondamentali della situazione italiana, che invece dovremmo affrontare e rovesciare tenendo conto delle raccomandazioni europee che rappresentano un valido strumento. Dei sei punti che ci ha veicolato la Commissione europea, cinque riguardano uno choc sull’economia reale: flessibilità del mercato del lavoro, riduzione del perimetro della Pubblica Amministrazione, aumento della produttività, liberalizzazioni e attenzione al debito pubblico. Mentreil primo punto si riferiva al rispetto dei parametri di Maastricht, che rappresenta un elemento di contraddizione. Perché tali riforme di natura strutturale necessitano di risorse per essere gestite. Tanto è vero che nel 2003, quando Schroeder fece lo choc dell’economia, determinando quelle riforme di struttura che consentono oggi a Berlino di avere un surplus di pagamenti da sette punti di Pil, – eccezionale ma anche sconvolgente per gli equilibri finanziari europei – la Germania andò fuori dal patto. Per cui se non fossimo usciti dalla procedura, anzi avessimo ottenuto una proroga e nel frattempo avessimo condotto in porto le riforme, la nostra situazione si sarebbe comunque attenuata.

Dunque una nuova classe dirigente responsabile deve mettere mano con determinazione subito alla spesa pubblica,perché èilvero rubinetto spalato e perché siamo assolutamente consapevoli che se le cose non vanno peggio lo dobbiamo alle esportazioni, che prese in modo isolato, ci restituiscono l’immagine di un’Italia in crescita e capace di competere nel mercati globali. Abbiamo imprese che funzionano e una manifattura ancora esistente, al contrario degli Stati Uniti.

Da qui dovremmo ripartire.

Dobbiamo dunque proporre subito di  varare le riforme che fluidifichino ilmercato (dal lato del lavoro pubblico e privato, dell’impresa e del credito), pagando tutti i debiti che la pubblica amministrazione ha con i fornitori (usando la garanzia bancaria della Cassa depositi e prestiti) e abbattendo ildebito mediante dismissioni di patrimonio pubblico. Queste sono le premesse per far scendere la pressione fiscale, avendo in mente non gli umori degli elettori, ma i bisogni del sistema produttivo, fatto d’imprese e lavoratori e lavoratrici. Colpire le rendite e i parassitismi alimentati dalla spesa pubblica improduttiva, che è rimasta intatta e spropositatamente ricca. Premiare chi rischia, compresi i lavoratori e le lavoratrici privi di sicurezza, abbassando la pressione contributiva. Smantellare la burocrazia che insegue l’allucinazione dei controlli e pratica quella dei blocchi.

Alessandra Servidori 

4 settembre 2013

 

Copyright © 2013 www.tutteperitalia.it. Tutti i diritti riservati.