Previous Next
Lega e Pentastellati : attendiamo che onoriate l'Italia verso l'Europa Alessandra Servidori Stiamo attendendo non il nome del prossimo Presidente del Consiglio e dei... Read more
SMART WORKING : BASTAVA applicare l'Avviso Comune già nel 2011 27 ottobre 2015- JOB 24 SOLE 24ORE Smart working - Nel disegno di legge... Read more
NOI TUTTEPERITALIA a fianco del popolo curdo delle donne dei loro bambini Alla Cortese attenzione Alto rappresentante Kurdistan Roma HAMID BAYAT- Rappresentante governo... Read more
Italiane e Italiani sveglia! Alessandra Servidori Meglio tardi che mai  I numeri non sono un’opinione : italiane e italiani... Read more
La ville lumiere sorella d'Italia Alessandra Servidori         Conte 2 Impari dalla sorella Francese parigina  Macroniana  In... Read more
TRASFORMAZIONI TECNOLOGICHE, FORMAZIONE E LAVORO PROBLEMI E PROPOSTE     Professionalità - n. 2/2018 - Anno XXXIV - ISSN:... Read more
NON E' MAI TROPPO TARDI Alessandra Servidori    Alle italiane e italiani serve  il maestro o la maestra Non è mai troppo... Read more
Autonomia differenziata : a che punto siamo? Alessandra Servidori     START MAGAZINE 3 agosto 2019 Al frastuono segue il silenzio.... Read more
PIANO NAZIONALE PER L'OCCUPAZIONE FEMMINILE TutteperItalia  è componente sia degli Stati generali che dell'Alleanza delle... Read more
Europa e Italia : la crisi che non passa Alessandra Servidori                         EUROPA e ITALIA e la crisi che non passa  Mario... Read more
PAPA FRANCESCO E LE SUE SCARPE Alessandra Servidori  22 dicembre 2016  PAPA FRANCESCO e le sue... Read more
Renzi e i piaceri alle banche piuttosto che alle famiglie  Alessandra Servidori      RENZI e i piaceri alle banche piuttosto che alle famiglie I  politici... Read more
ASCOLTA LA MIA INTERVISTA ALESSANDRA SERVIDORI  IN DIRETTA SU ECONOMIA E POTER CAPIRE   MARTEDI 24 SETTEMBRE 2019 tutti... Read more
Molestie sul lavoro Audizione Senato Commissione femminicidio  Alessandra Servidori Audizione Commissione Femminicidio Senato 20 Gennaio 2021 Ringrazio la... Read more
GOVERNO MISOGINO .Oggi 21 ottobre più che mai GOVERNO MISOGINO . ALESSANDRA SERVIDORI Una pandemia femminile ammorba l'Italia e la situazione... Read more
Mini e Smart :il job che non c'è Alessandra Servidori                      Mini e Smart  : il job che non c’è   Mentre il... Read more
Competenze per le PMI : la grande sfida digitalizzazione QUI EUROPA Competenze per le PMI, la grande sfida della digitalizzazione                       ... Read more
Nessun posto è come a casa: così in Ue si ragione per l'assistenza agli anziani QUI EUROPA Nessun posto è come a casa: cosi' in Ue si ragiona sull' assistenza agli... Read more
NON siamo un popolo di brava gente Alessandra Servidori Non siamo un popolo di brava gente. Il silenzio è il peggior male che si... Read more
No alla criminalizzazione dell'educazione sessuale in Polonia QUI EUROPA    www.ildiariodellavoro.it  No alla criminalizzazione dell’educazione sessuale in... Read more
NON RASSEGNAMOCI ALESSANDRA SERVIDORI – NON RASSEGNAMOCI Come facciamo a continuare a negare o a rimuovere il... Read more
Noi ci siamo.E il Governo? DONNE E LAVORO- www.ildiariodellavoro.net  Proposte (ragionevoli) sui servizi di assistenza... Read more
Di Maio sbaglia sulle privatizzazioni Alessandra Servidori  Di Maio sbaglia su tante cose e sulle liberalizzazioni di più.  Sono... Read more
MONDO EUROPA ITALIA : è il Lavoro agile il nuovo che avanza Alessandra Servidori   MONDO EUROPA ITALIA : è il Lavoro agile il nuovo che avanza   Quasi a ... Read more
VIOLENZA E' ANCHE 400mila donne in più disoccupate Alessandra Servidori      -  400mila italiane disoccupate in più : anche questa è violenza sulle... Read more
BOSCHI e Pari Opportunità Alessandra Servidori  E ora il /la Ministra per le Pari opportunità... Read more
Lezione 7 Perchè è importante il prossimo Consiglio Ue Alessandra Servidori Lezione n.7  Meglio tardi che mai  : Perché è importante  e decisivo il... Read more
Recovery Fund,perchè non vanno dimenticati i servizi sociali Recovery Fund, perché non vanno dimenticati i servizi sociali     ... Read more
La forza dell’associazionismo: contro la dispersione scolastica La forza dell’associazionismo: contro la dispersione scolastica  Alessandra Servidori BLOG... Read more
Ilva speculazioni pericolose e poche verità : in pericolo anche il Porto di Taranto Alessandra Servidori SU ILVA SPECULAZIONI PERICOLOSE e POCHE VERITA’ :attenzione al PORTO DI... Read more
La Presidenza Tedesca Ue : una agenda tonica QUI EUROPA   ildiariodellavoro Una agenda di presidenza semestrale tedesca Ue... Read more
Morti bianche e lavoro. Numeri e criticità Alessandra Servidori    Morti bianche  e lavoro .Numeri e criticità  Sono chiamate morti bianche... Read more
Verso Pechino 25 : avanti sempre dalla parte delle donne QUI EUROPA Verso la 25^ Conferenza mondiale della dichiarazione dei diritti delle... Read more
Donne e uomini nella UE: EUROSTAT denuncia le insopportabili disuguaglianze Alessandra Servidori               Studiare,lavorare, guadagnare in Europa: permangono, anzi... Read more
FERMATE IL BULLO GUASTATORE Alessandra Servidori                                 FERMATE IL BULLO GUASTATORE  La storiaccia... Read more
pari opportunità e legge di bilancio? Sparite Alessandra Servidori     La politica per le pari opportunità ? spezzettata o generica. Insomma... Read more
Aderiamo a Donne e Elezioni Europee Per le Elezioni europee 2019:  Le donne vincono periodicamente e vanno incontro ciclicamente... Read more
Donne e lavoro, la parità è lontana 14 - 10 - 2015     Alessandra Servidori Siamo seri: pensiamo all’occupazione femminile che è e... Read more
L'ondata di violenza contro le donne dimostra che i paesi Ue NON dispongono ancora di garanzie adeguate per proteggerle L’ondata di violenza contro le donne dimostra che i paesi dell’Ue non dispongono ancora di... Read more
Chiediamo l'impeachment dei ribaldi al governo Formiche 28 agosto 2018 Alessandra Servidori  Quando il furore della politica oltrepassa il... Read more
Miracoli del virus con la corona in testa Alessandra Servidori Miracoli del virus con la corona in... Read more
Donne e politica-3 Novembre 2015 Alessandra Servidori-   3 novembre 2015 Donne e politica : saranno le signore a salvare la... Read more
TERZO SETTORE :finalmente la legge delega Alessandra Servidori FINALMENTE IL RIORDINO DEL TERZO SETTORE    Commento al Disegno di... Read more
La grisaglia confindustriale pretenziosa Alessandra Servidori      La grisaglia confindustriale pretenziosa   SABATO 2 luglio  Faziosa e... Read more
UN NATALE PER TELETHON   UN NATALE DALLA PARTE DI TELETHON                      Quest’anno abbiamo deciso  come... Read more
DI MAIO ,la cultura dell'ignoranza Alessandra Servidori  Di Maio, la cultura del non saper fare i conti e  non dire la... Read more
Giovani : studio in azienda e lavoro a scuola Alessandra Servidori   * 31 Dicembre 2016 IL RESTO del CARLINO-QUOTIDIANO- pag 10  Fine... Read more
NO NON SERVE ALL'ITALIA una Costituzione e un Parlamento mutilati Alessandra Servidori                                              NO     NON SERVE... Read more

CIRINNA' si calmi ! 10 agosto 2015

Alessandra Servidori

 Tutti vogliono una buona legge sui diritti  e le unioni civili :  Cirinnà si calmi

Torna a settembre la discussione  sulla proposta di legge portata avanti  con prepotenza dalla Senatrice PD Cirinnà, sopranominata Irinni . Cirinnà si deve dare una calmata : la sua intolleranza è molesta e sicuramente anti/democratica. Il Testo del ddl  infatti è  volutamente ambiguo e ipocrita su due versanti :  il vulnus più importante di questo provvedimento è l'apertura alla step child adoption che crea molti problemi e, non ultimo, l'utero in affitto. L’altra questione è che la formulazione giuridica di coppia è  fantazziosamente matrimonialistica poiché  la possibilità di adozione automatica è riconosciutae giurisprudenzialmente, con i derivati che ne conseguono sul versante dei diritti e dei doveri e dei costi. Tutto costruito come forzatura sull’appello della Unione Europea sulla necessità di normare e ordinare le unioni civili dei conviventi dunque giustamente anche delle coppie omosessuali ,senza però mai avanzare- la Ue- la questione adozione su cui il ddl invece è anacronistico perché comunque spalanca la porta  all’adozione del figlio biologico del compagno avuto precedentemente come se questa fosse la generalità delle situazioni. Invero la realtà è nei numeri modestissima ma l’intento di tirare la volata alla prassi mercantile dell’utero in affitto è l’obiettivo.  Infatti l’unica possibilità per una coppia di uomini ha per procreare è appunto comprarsi un utero. l’Unione e comunque il matrimonio tra un uomo e una donna è incardinata su una relazione affettiva naturale che procrea  e dunque anche la pensione di reversibilità pensata per sostenere il figlio o chi dei due genitori  sopravvive,per sostenersi con i versamenti e dunque il diritto alla pensione,esula dai diritti universali civilistici come l’assistenza , l’eredità e dunque la casa .  Monica Cirinnà si calmi e il PD la fermi nel suo delirio di vittoria integralista della formazione sociale anacronistica: si riconosca il reciproco riconoscimento dei doveri materiali e morali tra conviventi e la guerra  sul ddl finisce,portandoci a casa una legge equilibrata. Ma non l’ambiguità sul tema che sta ancora lacerando la società italiana con vere e proprie blasfemie carsiche destinate ad essere terreno di scontro. Vediamo quali  questioni e  su cosa ci tocca combattere l’ignoranza  .La prima è relativa alla definizione ambigua di gender. Vero è che a livello  europeo  fino a non molto tempo fa quando si parlava  di questo tema, si intendeva e lo troviamo  evidentemente  anche in EUROPA 2020,  la disparità che ancora esiste tra uomini e donne nell’accesso alla sanità, all’educazione, al mondo del lavoro, a una retribuzione paritaria, alla rappresentanza politica e istituzionale. Poi anche ben poco silenziosamente dal 1995 ( tant’è che gli studi sul gender anche in Italia all’Università di Milano si festeggiano i 20 anni di questa teoria invero non dominante), cominciano a proliferare Questioni, ovviamente in cui la sessualità  ha attinenza.  Eccome .Dunque non si è automaticamente detrattori della Riforma della Scuola comunque discutibile , se si eccepisce l’art 16 ,poiché siamo sufficientemente intelligenti da capire  che  una nuova modalità di pensiero del genere, della sessualità, del corpo e del linguaggio, probabilmente sarà materia di insegnamento scolastico. Una volta valeva il concetto e la regola  nel dire che se si è di un sesso non lo si è di un altro, inteso come effetto di un processo storico in cui l’identità si costruisce naturalmente. Oggi invece la questione assume un concetto antropologico diverso da parte di teorie altre, e addirittura si teorizza con tanto di dichiarazioni di attrici cantanti famosi il gender flex  passando da una eterosessualità ad una omosessualità ricorrentemente così come è se vi pare. Or dunque nel Testo della legge 13 luglio 2015, n.107, il termine genere compare appunto  all’articolo 16:“Il piano triennale dell’offerta formativa assicura l’attuazione dei principi di pari opportunità promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l’educazione alla parità dei sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni”.Poiché le discriminazioni ,il bullismo e la violenza di genere non è stata sufficientemente combattuta tant’è che domina ancora nella società, si insegna alle nuove generazioni anche la teoria del gender. Ma  non si  è in grado di insegnare a scuola l’educazione sessuale,la lotta al bullismo e all’assassinio  delle donne, pensiamo sul serio di inculcare ai nostri giovani l’educazione antibiologica, facendola passare come educazione alla diversità’ meschina e brutale la questione. L’iter dell’educazione di genere ha comunque delle ripercussioni deliranti. Il 30 luglio in Commissione Giustizia al Senato è andata in scena una commedia vergognosa.  Un senatore della minoranza  ha presentato  un ordine del giorno nel quale si legge, tra l’altro, che «il Senato impegna il Governo a non violare i due diritti fondamentali riconosciuti, garantiti e tutelati dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo: la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico che in privato, i propri valori religiosi nell’educazione, e il diritto di priorità dei genitori nella scelta di educazione da impartire ai propri figli (artt. 18 e 26); a garantire e tutelare il diritto dei genitori ad educare i propri figli».E’ una affermazione che non si può non condividere. Cirinnà e la sua corte  in Commissione bocciano inviperiti l’odg con la motivazione delirante  che “Così come formulato, esso avrebbe potuto insinuare il dubbio che lo stesso governo avesse intenzione di violare i diritti fondamentali dell’uomo.”  Il gruppo integralista pretestuoso  portandosi dietro altri  soggetti confusi, colpisce ancora. Tutto  tranne che democratico: un voto che nasce da una lucida e deliberata volontà sull’onda della deriva totalitaria  in cui versa la nostra Italia,una dittatura del pensiero unico  sul quale  Francesco ci ha allertati. L’altra questione che mi piace affrontare è l’accusa anche ridicola dell’irresistibile ascesa di un’invenzione retorica vaticana contro la denaturalizzazione dell’ordine sessuale. Ecco gli ammazzapreti che insorgono con il loro insaziabile livore anticlericale. Secondo alcuni signori e signore ,il  Vaticano si accorge che esistono i Gender Studies, le cui acquisizioni sono pericolose per il mantenimento della sua autorità sulle persone.  E  accusano una pubblicazione  vaticana: Lexicon. Termini ambigui e discussi su famiglia, vita e questioni etiche (2003) , di descrivere il termine “gender”, come un bel mix di marxismo, estremismo femminista e perversione gay. Peccato però che a questi signori e signore si può ricordare che chi studia e opera, anche in virtù dell’insegnamento del Vangelo ,e non solo, è portatore di una un’evoluzione culturale che ha introdotto maggiore uguaglianza sociale tra generi (uomini e donne) e tra categorie sessuali  diverse, senza pruderie .I diritti civili ,le pari opportunità sul lavoro  e sulla maternità e genitorialità,hanno migliorato il patrimonio dei diritti della persona e maggiore equità sociale per tutti. Quindi non c’è nessun pretesto di dominio clericale e basta leggere gli insegnamenti della dottrina sociale della Chiesa:  nessuno, tanto meno gli educatori, si oppone al fatto che uomini e donne siano uguali e tutte le persone hanno uguali diritti e si produce maggiore democrazia se si studia la verità biologica e non trasfigurata e l’educazione a scuola è impostata sul rispetto reciproco e soprattutto sulla verità scientifica e non trasformista.

 

Copyright © 2013 www.tutteperitalia.it. Tutti i diritti riservati.