Previous Next
Il Diario e ddl ZAN https://www.ildiariodellavoro.it/considerazioni-sul-ddl-zan-in-punta-di-diritto-internazionale-e-naz... Read more
Due buone ragioni per essere solidali con Giorgia Meloni Alessandra Servidori Esprimo solidarietà a Giorgia Meloni prima di tutto come Presidente del... Read more
Europa social Network 2022 : a che punto siamo dove andiamo   Alessandra Servidori             European Social Network 2022 :  a che punto siamo e dove... Read more
Legge di biliancio :tra le ombre qualche lumicino Alessandra Servidori  LEGGE DI BILANCIO : tra le ombre qualche lumicino - 2 Dicembre 2017 Il... Read more
Morti sul lavoro : tante e tanti le lavoratrici e le chiamano" morti bianche" Rosse invece e sempre di più Alessandra Servidori               Troppe donne e uomini che "cadono" sul lavoro Domenica 13... Read more
Lettera aperta al paziente fuggito Alessandra Servidori Lettera aperta al paziente che non ha voluto essere sedato da una... Read more
TUTTE E TUTTI NOI CONTRO IL CANCRO TUTTI E TUTTE NOI CONTRO IL CANCRO  Commissione bicamerale di vigilanza Cassa Depositi e... Read more
Pensione di invalidità e piccoli lavoretti : ravvedimento operoso di Inps ALESSANDRA SERVIDORI Assegno di invalidità e piccoli lavoretti : ravvedimento operoso “coatto”... Read more
medicina di genere : nuova frontiera per la contrattazione  Alessandra Servidori         Una nuova frontiera per la contrattazione : la medicina di... Read more
JOBS ACT :ultimo atto e attenzione ai tranelli Alessandra Servidori Poletti Giuliano  ha semichiuso il cerchio del JOBS ACT che adesso con gli... Read more
MONDO EUROPA ITALIA : è il Lavoro agile il nuovo che avanza Alessandra Servidori   MONDO EUROPA ITALIA : è il Lavoro agile il nuovo che avanza   Quasi a ... Read more
4 ° DECRETO Aiuti : novità importanti per i benefit aziendali Alessandra Servidori  Tra le novità del quarto decreto aiuti troviamo il benefit aziendali... Read more
25 Novembre :non bastano più i gesti simbolici   ALESSANDRA SERVIDORI   www.ildiariodellavoro.it  25 novembre giornata internazionale per... Read more
La giornata contro la violenza sulle donne Sorridi donna sorridi sempre alla vita anche se lei non ti sorride. Sorridi agli amori finiti... Read more
Fondi Ue bilancio 2021 :passi avanti per la questione femminile Alessandra Servidori  Linee guida per il bilancio 2021  dei Fondi  Europei      12 Febbraio... Read more
SIAMO STANCHINE Alessandra Servidori                       SIAMO STANCHINE    14 OTTOBRE 2015 Siamo seri :... Read more
Social vigliaccamente predatori Alessandra Servidori Considerazioni lucide  sull’era del social e buone vacanze, senza.  Trovo... Read more
BANCHE e dintorni :la storia vera della truffa di Stato Alessandra Servidori – LA storia vera della TRUFFA di STATO La vicenda del “salvataggio delle 4... Read more
Dalla parte di GIOVANNI TRIA   ALESSANDRA SERVIDORI   Dalla parte di TRIA    7 luglio 2018   Di Giovanni Tria e del... Read more
25 Aprile una memoria delle donne da non dimenticare Alessandra Servidori    La festa della Liberazione dalla parte delle donne Sono andata in Piazza... Read more
IL FONDO NUOVE COMPETENZE DEVE SOSTENERE LE LAVORATRICI Alessandra Servidori    IL  Fondo nuove competenze deve sostenere le lavoratrici... Read more
Una ragionevole soluzione al problema dei navigator   Una ragionevole soluzione al problema dei navigator ALESSANDRA SERVIDORI... Read more
A CESENA a parlare di Politiche di Pari opportunità FIDAPA FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI BPW ITALY B.P.W. ITALY-Sezione di... Read more
DIRITTO E POTERE -Scena terza Alessandra Servidori - Diritto e potere scena terza-  29 maggio 2016 Proseguiamo con il... Read more
Perchè l'analisi costi benefici non può essere oggettiva GRANDI OPERE    www.ildiariodellavoro.it  Perché l’analisi costi-benefici non può essere... Read more
DOPO DI NOI :una legge dalla parte dei più deboli Alessandra Servidori . C’è un nuovo quadro normativo che tutela le persone con disabilità... Read more
pari opportunità e legge di bilancio? Sparite Alessandra Servidori     La politica per le pari opportunità ? spezzettata o generica. Insomma... Read more
LE CREPE ormai FRANE della politica bancaria nostrana   Alessandra Servidori          LE CREPE ormai FRANE della politica bancaria nostrana  10... Read more
Recensione libro Alè Il sussidiario .net https://www.ilsussidiario.net/news/letture-cosi-limpegno-personale-puo-innovare-le-politiche-sociali... Read more
2022 : parità di genere lontana ma avanti ragazze!                        Alessandra Servidori                  ... Read more
A GAMBA TESA VERSO LE ELEZIONI 1                         Alessandra Servidori    Un programma sul lavoro che vale la pena... Read more
Per Laura Massaro giustizia è fatta.L'alienazione genitoriale è una grande violazione dei diritti   ALESSANDRA SERVIDORI               Per Laura Massaro giustizia è fatta Laura Massaro dopo 9... Read more
Studenti,scuola,Costituzione e democrazia scolastica Alessandra Servidori                              Studenti, scuola, costituzione e democrazia... Read more
Lunedì 7 febbraio in piazza con l'ombrello per sostenere le madri alle quali tolgono i figli Alessandra Servidori UN LUNEDI 7 FEBBRAIO IN PIAZZA CON L’OMBRELLO PER SOSTENERE LE MADRI ALLE... Read more
La Ue diminuisce sensibilmente le risorse per la parità di genere. QUI EUROPA www.ILDIARIODELLAVORO:IT  Rapporto EIGE, meno dell’1% dei Fondi Strutturali Ue viene... Read more
Risoluzione Onu sulle malattie rare Alessandra Servidori Risoluzione Onu sulle malattie... Read more
Didattica a distanza : McKinsey ci dice cosa sta succedendo nel mondo Alessandra Servidori      DAD  MCKINSEY ci racconta cosa sta succedendo nel mondo- 25 marzo... Read more
La cucina dei postifici La cucina dei postifici Di Alessandra Servidori |... Read more
E siamo ancora qui.eh... già ALESSANDRA SERVIDORI E siamo ancora qui ,eh già !       GUALTIERI e la manovra     17 settembre... Read more
EUROPA E GARANZIA PER L'INFANZIA                        ALESSANDRA SERVIDORI... Read more
Questa guerra va combattuta contro il tiranno omicida seriale                          Alessandra Servidori                        Ho ascoltato ho letto  ho... Read more
Malattie Rare LIA DE ZORZI              Malattie rare piccoli passi avanti        22 Gennaio 2020 E’ notizia... Read more
Sostegno ai familiari dei disabili Alessandra Servidori Vaccinazione obbligatoria per il personale di nidi   e sostegno ai... Read more

L'Impatto del Covid sull'istruzione

Alessandra Servidori         www.ilsussidiario.net 26 Novembre                

     L’impatto di Covid 19 sull’istruzione : un Rapporto della Ue sulla letteratura esistente e recenti dati internazionali. I problemi e le possibili soluzioni

Al fine di ridurre la diffusione di COVID-19, la maggior parte dei paesi del mondo ha deciso di chiudere temporaneamente gli istituti di istruzione. Tuttavia, l'apprendimento non si è fermato, ma ora si sta svolgendo completamente online poiché le scuole e le università forniscono l'istruzione a distanza. Utilizzando la letteratura esistente e le prove tratte da dati internazionali recenti (Eurostat, PISA, ICILS, PIRLS, TALIS), questo rapporto cerca di ottenere una migliore comprensione di come la crisi COVID-19 possa influenzare l'apprendimento degli studenti. Analizza i diversi modi diretti e indiretti attraverso i quali il virus e le misure adottate per contenerlo possono avere un impatto sui risultati dei bambini. Stime "conservative" per alcuni paesi dell'UE selezionati indicano costantemente che, in media, gli studenti subiranno una perdita di apprendimento. Si suggerisce inoltre che COVID-19 non influirà allo stesso modo sugli studenti, influenzerà negativamente sia l'acquisizione di competenze cognitive che non cognitive, e può avere importanti conseguenze a lungo termine oltre a quelle a breve termine. La maggior parte delle istituzioni educative di tutto il mondo ha annullato l'istruzione di persona e si è trasferita all'apprendimento e all'insegnamento a distanza nel marzo 2020 nel tentativo di contenere la diffusione del COVID-19. Parti del sistema di istruzione formale (o dell'intero sistema) non riaprono quest'anno accademico in alcuni paesi, mentre in altri parti il sistema di istruzione formale è stato progressivamente riaperto. Sebbene l'interruzione dell'apprendimento causata dal COVID-19 sia senza precedenti, importanti informazioni sul suo possibile impatto possono essere ottenute dai risultati di studi esistenti pertinenti e dai dati preCOVID-19.Anche se l'adozione dell'apprendimento a distanza è fondamentale per garantire la continuità dell'istruzione dopo la chiusura fisica delle scuole, gli studenti hanno, in media, probabilità di sperimentare una perdita di apprendimento durante il blocco. Si possono presentare diverse argomentazioni per spiegarlo. In primo luogo, ci sono prove che dimostrano che gli studenti in quarantena tendono a trascorrere meno tempo nell'apprendimento rispetto a quando le scuole sono aperte. In secondo luogo, molti studenti confinati a casa a causa di COVID-19 possono sentirsi stressati e ansiosi, e questo può influenzare negativamente la loro capacità di concentrarsi sul lavoro scolastico.   In terzo luogo, la chiusura della scuola fisica e la mancanza di contatti di persona possono rendere gli studenti meno motivati esternamente a impegnarsi in attività di apprendimento. Le stime "conservative" per Francia, Italia e Germania suggeriscono che gli studenti subiranno una perdita di apprendimento settimanale compresa tra lo 0,82 e il 2,3% di una deviazione standard. Tale perdita riflette la riduzione del punteggio di test che gli studenti avrebbero sperimentato a causa del meno tempo trascorso nell'apprendimento rispetto alla quantità di tempo che in genere investono quando sono a scuola. Per un test che è scalato per avere una media di 500 e una deviazione standard di 100, la perdita di apprendimento implicita per l'intero periodo di blocco significherebbe una riduzione dei punteggi tra 6,5 e 14 punti.  Il passaggio dall'apprendimento offline a quello online causato dal COVID-19 potrebbe influire negativamente su quei bambini, nelle scuole primarie e secondarie inferiori, che hanno maggiori difficoltà nell'adattarsi al nuovo ambiente di apprendimento. Si prevede inoltre che il passaggio aggraverà le disuguaglianze educative esistenti. Gli studenti più vulnerabili, come ad esempio quelli provenienti da contesti meno vantaggiosi, sono particolarmente propensi a rimanere indietro durante questo periodo di emergenza. Questi studenti hanno meno probabilità di avere accesso alle risorse digitali di apprendimento pertinenti (ad esempio laptop/computer, connessione Internet a banda larga) e meno probabilità di avere un ambiente di apprendimento domestico adatto (ad esempio un posto tranquillo per studiare o la propria scrivania).     Inoltre, essi potrebbero non ricevere tanto (diretto o indiretto) sostegno dai loro genitori come fanno i loro omologhi più avvantaggiati. Nelle famiglie più ricche, i genitori sono più propensi a lavorare da casa e sono anche più propensi a permettersi lezioni private online. Le scuole possono contribuire ulteriormente a questa disuguaglianza, dato che gli studenti provenienti da contesti più avvantaggiati potrebbero avere maggiori probabilità di frequentare le scuole con migliori infrastrutture basate sulle TIC (ad esempio l'ambiente di apprendimento virtuale) e dove gli insegnanti hanno livelli più elevati di competenze digitali. Anche i figli di genitori single o di famiglie numerose, nonché gli studenti con esigenze speciali o disabilità, rischiano di soffrire del passaggio, a meno che le tecnologie assistite non siano prontamente messe in atto e adattate al nuovo ambiente di apprendimento.   Inoltre, essi potrebbero non ricevere tanto (diretto o indiretto) sostegno dai loro genitori come fanno i loro omologhi più avvantaggiati. Nelle famiglie più ricche, i genitori sono più propensi a lavorare da casa e sono anche più propensi a permettersi lezioni private online. Non solo il COVID-19 e il passaggio all'apprendimento e all'insegnamento a distanza dovrebbero causare una maggiore disuguaglianza nelle capacità cognitive, ma possono esercitare un effetto simile per quanto riguarda il benessere emotivo e la motivazione degli studenti. Infatti, l'isolamento degli studenti dai loro amici e insegnanti può comportare una distribuzione ineguale dei problemi comportamentali e psicologici. Durante il blocco, gli studenti provenienti da contesti meno avvantaggiati hanno maggiori probabilità di essere esposti a un ambiente domestico stressante (ad esempio, hanno maggiori probabilità di condividere uno spazio limitato e un numero limitato di dispositivi digitali con altri membri della famiglia). Inoltre, i genitori di queste famiglie, che possono essere sotto pressione a causa di problemi finanziari e di sicurezza del lavoro a causa della crisi del COVID-19, probabilmente non sono nella posizione migliore per sostenere i loro figli in queste circostanze.    L'aumento della disparità nelle capacità cognitive e non cognitive che è probabile che emerga durante la pandemia di COVID-19 può avere conseguenze importanti non solo a breve termine, ma anche a lungo termine. Diversi studi trovano che i livelli cognitivi e socio-emotivi dei bambini sono buoni predittori di risultati successivi. Gli studenti scarsamente dotati di queste competenze tendono ad avere risultati scolastici più bassi e prospettive più scarse del mercato del lavoro, sia in termini di occupazione che di retribuzione. Pertanto, vi è il rischio che, in assenza di misure politiche adeguate, la disuguaglianza a breve termine causata dal COVID-19 possa persistere o addirittura crescere nel tempo, portando a una maggiore disparità economica in futuro. Infine, è interessante mettere la perdita di apprendimento subita dagli studenti durante la crisi COVID-19 in una prospettiva più ampia.  Tale perdita si tradurrà in una riduzione del capitale umano disponibile, con effetti negativi sulla crescita della produttività, l'innovazione e l'occupazione, compresi i futuri minori guadagni per le coorti studentesche direttamente interessate dal blocco. Ad esempio, stime approssimate indicano che la perdita annua di reddito aggregata che gli studenti della scuola primaria francese sperimenteranno a causa del periodo di confinamento COVID-19 ammonta a tra 700 e 800 milioni di euro. Questi valori sono molto più grandi se le perdite di reddito in tutti i livelli di istruzione sono riassunti negli altri ordini di istruzione. Tale considerazione e questi numeri dovrebbero essere tenuti a mente dai responsabili delle politiche quando decidono il bilancio da investire nel tentativo di mitigare gli effetti negativi del COVID-19 sull'istruzione.    L'effetto del COVID-19 sull'istruzione pone almeno due sfide fondamentali per i responsabili delle politiche. In primo luogo, dovrebbero essere adottate misure per garantire che gli studenti più vulnerabili siano in grado di far sì che la perdita di apprendimento che hanno subito durante il blocco. Ciò dovrebbe essere fatto in modo rapido ed efficace, al fine di evitare che tale crisi si trasformi  in un'istruzione malata permanente e in disuguaglianze economiche. In secondo luogo, dato che esiste la possibilità che gli istituti di istruzione non siano in grado di operare pienamente di persona durante parti (o nel complesso) del prossimo anno accademico, dovrebbero essere messi in atto metodi alternativi per fornire insegnamento e apprendimento. Anche se un sistema di apprendimento miscelato /rotante (con elementi offline e online) è un'opzione interessante, è importante notare che: 1)richiede un cambiamento sia nella quantità che nella qualità della capacità didattica, 2) richiede una revisione del curriculum, 3) i bambini più piccoli possono avere problemi nell'adattarsi a questo modello soprattutto per la parte di apprendimento online, 4) la struttura di molti edifici scolastici esistenti potrebbe non essere appropriata se si vuole mantenere le distanze fisiche.

I seguenti elementi dovrebbero essere parte di una strategia di successo che integra le attività di insegnamento e apprendimento online e offline: - Garantire l'accesso a Internet e la disponibilità di computer, computer portatili o tablet: l'accesso a Internet a una velocità decente e gli strumenti ICT adeguati sono i prerequisiti fondamentali per qualsiasi strategia di insegnamento e apprendimento online. - Adottare ambienti di apprendimento virtuali adeguati (VLE): VLE può dare agli studenti l'accesso alle risorse educative, collegare gli studenti con gli insegnanti e facilitare le lezioni remote. Ripensare il ruolo dell'educazione radiotelevisiva: la radiodiffusione educativa può essere un utile complemento ai programmi online in quanto fornisce insegnamento a coloro che non hanno accesso a Internet e eguaglia i metodi di insegnamento e il materiale nelle scuole all'interno di un paese o di una regione - Migliorare la disponibilità della tecnologia di apprendimento per gli studenti con esigenze educative speciali e /o disabilità (SEND): le tecnologie digitali possono fornire un supporto utile agli studenti SEND, soprattutto se fanno parte di un processo coerente e globale. Insegnanti di supporto: gli insegnanti dovrebbero imparare ad adattare il loro ruolo a una situazione in cui possono comunicare solo online e in cui anche gli studenti che in genere si esibiscono bene a scuola possono perdere la motivazione quando si passa all'apprendimento online. È fondamentale migliorare le competenze digitali degli insegnanti in tutte le età, nonché garantire che siano ben addestrati negli approcci pedagogici più adatti per l'apprendimento online e i modelli miscelati. Sostenere i genitori ad aiutare i loro figli: i genitori sono un elemento essenziale del quadro, e più ancora per gli studenti più giovani che non possono essere lasciati soli ad affrontare le sfide dell'apprendimento online. I genitori dovrebbero essere coinvolti nella progettazione della strategia e nella sua attuazione in quanto hanno bisogno di comprendere appieno ciò che viene insegnato e perché. La comunicazione regolare e dettagliata tra genitori, insegnanti e la scuola è un elemento fondamentale di una strategia di apprendimento online di successo.

 

Copyright © 2013 www.tutteperitalia.it. Tutti i diritti riservati.